25 Giugno 2015
BOOM DIVORZIATI A MILANO: +14% IN 4 ANNI

Boom dei divorziati in provincia di Milano: +13,6% negli ultimi quattro anni, mentre nel Lodigiano si registra uno degli aumenti regionali più alti per gli sposati, cresciuti del 2,2%. E' quanto emerge da un'analisi di Coldiretti Lombardia su dati Istat realizzata in occasione del vertice dell'associazione regionale Pensionati della Coldiretti che si terrà domani, venerdì 26 giugno 2015, a Mantova e che vedrà la partecipazione di 500 persone, con la premiazione dei matrimoni più longevi.

E tra le unioni più resistenti c'è quella di Giovanna Gualeni, Presidente dell'associazione Pensionati della Coldiretti di Milano, Lodi, Monza Brianza. Residente ad Abbiategrasso, in provincia di Milano, è sposata da 37 anni con il marito Enrico. "Ma stiamo insieme da oltre 40 - precisa Giovanna - Lui agricoltore, io segretaria di direzione, ci siamo sposati nel 1978 dopo quasi cinque anni di fidanzamento, quando io avevo appena 22 anni. Ero giovanissima, ma all'epoca il matrimonio arrivava prima rispetto alle coppie di oggi, che spesso non hanno un impiego sicuro e sono quindi costrette a rimandare il sogno di crearsi una famiglia".

Oggi Giovanna è una nonna felice, ma non dimentica il ruolo di mamma: "Ho due figli maschi e per loro la porta di casa è sempre aperta. Se c'è una cosa che ho imparato in quasi mezzo secolo di vita insieme è che per andare avanti serve dialogo, comprensione reciproca e tanta pazienza. Altrimenti la coppia è destinata a lasciarsi". Il matrimonio di Giovanna sta avendo una durata più che doppia rispetto a quella delle unioni moderne, che non superano i 19 anni, con le crisi del settimo anno passate del 4,5% al 9,3% in un decennio, spiega la Coldiretti. L'età media alla separazione è i circa 47 anni per i mariti e di 44 per le mogli, mentre in caso di divorzio raggiunge, rispettivamente 49 e 46 anni.

Fra il 2012 e il 2015 – spiega l’analisi della Coldiretti Lombardia – a livello regionale la crescita dei divorziati è stata del 13% contro il 12,5% della media nazionale. Milano, oltre a essere la provincia in cui le separazioni sono cresciute di più dopo Bergamo e Lecco, è anche quella in cui si registra il maggior incremento di coloro che negli ultimi quattro anni si sono messi la fede al dito: +2,5%. Subito dopo arriva la provincia di Lodi, dove gli sposati sono cresciuti del 2,2%.

A livello assoluto – spiega la Coldiretti Lombardia – ci sono ancora 18 persone sposate ogni una divorziata (4 milioni e 764 mila sposati contro 262 mila divorziati) ma solo tre anni fa il rapporto era di 20 a 1 (con 4.714.868 sposati contro 232.365 divorziati). Nella media regionale l'andamento di Monza Brianza con i divorziati aumentati del 12,5% e gli sposati dello 0,9%

“La crisi economica sta mettendo a dura prova le giovani coppie e sta creando non pochi problemi anche ai pensionati – spiega Alberto Lastrico, coordinatore dei pensionati Coldiretti a livello regionale – abbiamo genitori che contribuiscono, anche economicamente, alla vita delle famiglie dei figli. E’ come si fosse bloccato il passaggio di responsabilità fra generazioni. Il problema è che con il basso livello delle pensioni attuali anche questa rete di welfare familiare sta diventando sempre più debole”.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi