18 Febbraio 2010
Brugherio, debutta l’oasi agricola del km zero

   

Nell’ultimo anno oltre duecentomila persone hanno affollato i mercati degli agricoltori di Campagna Amica delle province di Milano, Monza e Lodi, che con i loro 27 appuntamenti fissi sul territorio rappresentano quasi la metà dei 60 farmers’ market permanenti avviati dalla Coldiretti sino a oggi in tutta la Lombardia (erano 50 a ottobre 2009). Ai quali si aggiunge adesso anche Brugherio, dal prossimo 24 febbraio e ogni mercoledì mattina in piazza Nenni.

“Per noi si tratta di una tappa importante nella costruzione di quella filiera tutta agricola e tutta italiana che la Coldiretti sta mettendo in campo attraverso i mercati, i punti vendita in cascina e i Consorzi agrari per offrire ai consumatori prodotti del territorio, quindi nati e lavorati in Italia, nelle nostre campagne lombarde, garantiti dagli agricoltori e al giusto prezzo” spiega Enzo Pagliano, Direttore della Coldiretti di Milano e Lodi. Mediamente nei mercati degli agricoltori i prezzi sono inferiori di circa il 30 per cento rispetto ai valori rilevati per il nord Italia dal sito smsconsumatori del Ministero delle Politiche agricole.

Nei farmers’ market di Campagna Amica (il primo ha aperto nel settembre 2008 a Milano in via Ripamonti 37 e si tiene adesso ogni mercoledì e sabato mattina) si trovano un po’ tutti i tesori enogastronomici locali: salumi, formaggi, latte fresco di alta qualità, verdure, carne, miele, farina, riso e polenta.

“Quello che stiamo costruendo non è, e non vuole essere, solo un circuito commerciale vantaggioso sia per i consumatori che per i produttori – commenta Andrea Repossini, responsabile Coldiretti dei mercati di Campagna Amica fra Milano, Monza e Lodi – ma crediamo debba diventare un percorso culturale di scoperta del territorio, delle sue tradizioni, della sua storia e del suo sviluppo agricolo come esempio di una crescita in armonia con l’ambiente grazie al principio del kmzero che taglia i trasporti e quindi l’inquinamento. Oltre a rappresentare una difesa contro le speculazioni dal campo alla tavola, tragitto durante il quale i pochi centesimi pagati agli agricoltori diventano euro nella vendita al dettaglio, con un aumento medio di almeno 5 volte”.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi