23 Dicembre 2020
Presepe, la statuina dell’infermiera anti Covid in dono all’Arcivescovo di Milano e al vescovo di Lodi

Un nuovo personaggio nel Presepe 2020 – un’infermiera anti Covid - a simboleggiare, nell’anno della pandemia, l’impegno del personale sanitario e assistenziale nella cura dei malati e dei più deboli. Nella mattinata di mercoledì 23 dicembre, la Coldiretti interprovinciale e Confartigianato Imprese hanno consegnato due statuine raffiguranti l’operatrice sanitaria prima nelle mani dell’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, e successivamente in quelle del Vescovo di Lodi, monsignor Maurizio Malvestiti.

La delegazione della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza e quella di Confartigianato Imprese Milano Monza Brianza hanno incontrato monsignor Delpini direttamente in Arcivescovado. Erano presenti il Vice Presidente e il Direttore della Coldiretti interprovinciale, Marcello Doniselli e Roberto Gallizioli, e il Presidente e il Segretario di Confartigianato Milano Monza Brianza, Giovanni Barzaghi ed Enrico Brambilla, oltre al Consigliere ecclesiastico di Coldiretti Milano, Lodi e Monza Brianza, don Walter Magnoni.

Ancora il Direttore Gallizioli, con l’altro Vice Presidente di Coldiretti Marco Barbaglio, il Presidente della Confartigianato provinciale di Lodi, Sabrina Baronio, e il Segretario della stessa associazione, Vittorio Boselli, sono poi stati ricevuti in Diocesi a Lodi dal Vescovo monsignor Maurizio Malvestiti.

“L’incontro di oggi – ha chiarito Roberto Gallizioli, Direttore della Coldiretti – fa seguito a un’iniziativa che su tutto il territorio italiano è stata promossa dalla nostra Confederazione nazionale, da Confartigianato Imprese e da Fondazione Symbola sotto l’egida del Manifesto di Assisi. Il Presepe è la rappresentazione della nascita di Gesù, ma con le sue statuine racconta anche la vita di tutti i giorni, con uomini, animali e paesaggi naturali a rappresentare la multiforme dimensione del Creato che per gli agricoltori è un patrimonio da difendere e valorizzare. Non solo: la Natività ci ricorda anche che come popolo del Signore abbiamo un destino comune. Quest’anno – ha continuato il Direttore della Coldiretti – il mondo agricolo, che non ha mai smesso di lavorare durante i lockdown per assicurare la disponibilità di cibo alla popolazione, abbiamo pensato di celebrare il ruolo di quanti si sono spesi con tutte le loro energie per prendersi cura dei malati e dei più bisognosi. Per ringraziarli, ma anche come segno di speranza per l’immediato futuro”.

La statuina dell’infermiera è stata realizzata per l’occasione dalla bottega d’arte presepiale “La Scarabattola” di Napoli dei Fratelli Scuotto, simbolo della tradizione di eccellenza manifatturiera dell’artigianato italiano.

 

 

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi