20 Dicembre 2010
IL GRANA PADANO SCOMMETTE SUL 2011 E TRAINA ANCHE LE QUOTAZIONI DEL LATTE

 Il grana padano guarda con speranza al 2011. L’anno prossimo la produzione di uno dei più popolari e venduti formaggi italiani dovrebbe restare sulle 4 milioni e 350 mila forme, gli stessi livelli del 2010, a fronte di un mercato che ha assorbito quasi tutte le scorte di magazzino e che dovrebbe sostenere le quotazioni attuali, superiori in media agli 8 euro al chilo (gli stessi livelli della stagione 1996/1997) per lo stagionato 15 mesi.

Il quadro della situazione è stato tracciato da Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio di tutela del Grana Padano nell’ambito di un vertice con i rappresentanti regionali e provinciali della Coldiretti. “In questo contesto – ha aggiunto Baldrighi – ci sono prospettive discrete anche per le quotazioni del latte che non dovrebbero diminuire”.

Il grana assorbe circa il 40 per cento delle 4 milioni e 200 mila tonnellate di latte munte in Lombardia ed è quindi un importante punto di riferimento per gli operatori del settore. Il prezzo del latte alla stalla secondo gli ultimi contratti viaggia stabilmente sopra i 38 centesimi al litro.

Certezze maggiori sull’andamento dell’anno prossimo – ha aggiunto Baldrighi – si avranno fra gennaio e febbraio, quando si vedrà se si sarà riusciti a siglare un contratto regionale sul prezzo del latte e quali saranno le quotazioni di quello “spot” (venduto a richiesta e non in base a precedenti contratti, ndr.), quando arriveranno i dati sui consumi della società Nielsen (specializzata in rilevamenti sulla spesa degli italiani) e ci sarà qualche elemento in più sulla produzione dei prossimi mesi.

Resta però da sciogliere – secondo la Coldiretti e anche secondo il Consorzio - il nodo del cosiddetto “similgrana”, un formaggio a pasta dura (di origine incerta) che non viene prodotto all’interno dei codici e delle regole del Consorzio ma che attraverso pubblicità, etichette e confezionamento fa pensare al consumatore che si tratti di qualcosa realizzato in Italia e quindi più affidabile. Stesso problema che esiste per alcuni mix di grattugiato”.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi