18 Febbraio 2010
Maccheroni del contadino

Biologica, lavorata a mano con farina di grano ottenuta da una macinatura in pietra. E’ la pasta a km zero che sta debuttando al mercato degli agricoltori di Coldiretti ogni venerdì mattina a Lodi presso l’aia del Circolo Archinti in viale Pavia, insieme a verdure, formaggi, salumi e carne del territorio.

I “maccheroni del contadino” (ma ci sono anche tagliolini, tagliatelle, anellini, campanelle e altre varietà di pasta corta) nascono a Corana, nel Pavese, dove la famiglia Orlandini coltiva frumento con tecniche biologiche su 12 ettari di terreno, per una produzione annua che non supera i 300 quintali. Il grano viene poi macinato a pietra presso il mulino di Matteo Vidali a Castelletto di Branduzzo. “La macinatura avviene lentamente per non riscaldare la farina ed evitare di impoverire il prodotto. Grazie a questo metodo la semola conserva il germe che è un concentrato di sostanze nutritive  come vitamine, aminoacidi e sali minerali” spiega Cesare Orlandini, 34 anni, agricoltore che gestisce l’azienda insieme alla madre Marisa Sforzini.

La farina integrale, circa 120 chili a settimana, torna quindi a Corana nel laboratorio della pasta, che viene lavorata in modo artigianale. “In quella all’uovo, ad esempio le uova fresche sono sgusciate a mano e controllate una a una – spiega mamma Marisa – le operazioni di taglio, composizione dei nidi, stesura sui telai e confezionamento sono svolte sempre a mano. Stiamo sempre molto attenti a ogni cosa, infatti basta sbagliare 10 grammi in più o in meno di acqua e si può buttare tutto. La forma la diamo con trafile in bronzo e l’essiccazione dura 13 ore a 48 gradi di temperatura, sempre per non rovinare gli elementi nutritivi”. Il confezionamento avviene in sacchetti da 250 grammi, mezzo chilo e un chilo.
 
“Anche questa è una dimostrazione di come gli agricoltori si stiano attrezzando per rispondere alle esigenze dei consumatori  – commenta Carlo Franciosi, Presidente della Coldiretti di Milano e Lodi – una filiera tutta agricola e tutta italiana è possibile e i nostri mercati di Campagna Amica ne sono la migliore testimonianza”. In Lombardia i farmers’ market fissi sono 60 (per un totale di 170 con quelli legati ad altre iniziative). L’ultimo nato è quello del mercoledì mattina a Monza in via della Birona. Il primo a partire è stato Milano in via Ripamonti. Gli ultimi avviati nel 2009 sono stati Cerro Maggiore, Legnano e Abbiategrasso.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi