9 Maggio 2015
MILANO – EXPO, NASCE PRIMA RETE ORTI CITTA’ METROPOLITANA

Duecento orti e una maxi area condivisa di oltre 30mila metri quadrati, coltivata a frutta e verdura. È la prima rete di orti della città metropolitana di Milano con adozioni a distanza e “pick your own”, realizzata alla Cascina Pirola di Cassina de Pecchi (MI) e presentata questa mattina all’Expo del capoluogo lombardo al Padiglione “No Farmers, no party” di Coldiretti, all’inizio del Cardo adiacente all’Ingresso Sud.
 
I duecento orti, ciascuno di circa 45-50 metri quadrati, sono stati in buona parte già “adottati a distanza” da cittadini che vogliono coltivare personalmente frutta e verdura. “Le persone che hanno chiesto di poter affittare un orto – spiega Guglielmo Stagno D'Alcontres, titolare della Cascina Pirola e ideatore della rete di orti – sono soprattutto giovani, che arrivano da Milano e dai Comuni vicini”.
 
E per chi non ha il pollice verde, ma vuole raccogliere direttamente in campo frutta e  verdura, Guglielmo ha creato un maxi orto condiviso di 30mila metri quadrati e un frutteto di un ettaro e mezzo con alberi di mele, pere, albicocche e pesche. La gestione di questi spazi è curata da Guglielmo, mentre i consumatori possono entrare, prendere i prodotti che preferiscono, pesarli sulle apecar attrezzate predisposte al centro dell'area e portare a casa i sapori del territorio nel rispetto della stagionalità.
 
Per i più piccoli, invece, sono stati seminati due labirinti, uno di mais e uno di girasoli, dove da giugno si potrà camminare immersi in piante e pannocchie e, al momento opportuno, partecipare alla raccolta manuale dei prodotti. “L’idea – conclude Guglielmo – è quella di creare un vero e proprio parco agricolo metropolitano, fruibile da chiunque durante tutti i giorni della settimana. Dall’inizio di maggio, infatti, la mia azienda è aperta ai visitatori dal lunedì alla domenica, dalle 8 alle 20. Le famiglie possono venire solo a vedere come funziona un’azienda agricola oppure possono comprare direttamente qui da noi i nostri prodotti”.
 
In Lombardia – spiega la Coldiretti di Milano, Lodi, Monza Brianza grazie a un'analisi su dati Istat – l'estensione degli orti urbani sfiora i 160 mila metri quadrati, una superficie pari a quella di oltre duemila appartamenti di medie dimensioni. A Milano, si contano oltre 1.300 orti per più di 52mila metri quadrati, che rappresentano oltre un terzo dei 2.781 orti urbani lombardi. A Lodi e Monza si trovano, invece, un centinaio di orti urbani.
 
“Il fenomeno è in crescita – spiega Alessandro Rota, Presidente di Coldiretti Milano, Lodi, Monza Brianza – è lo dimostrano le decine di piccoli appezzamenti che nascono nelle periferie delle città o anche le mini coltivazioni di verdure o piccoli ortaggi che si possono scorgere sui terrazzi o sui balconi delle città”.
 
Per la Coldiretti Nazionale sono oltre 20 milioni gli italiani che, con l'arrivo del caldo, si sono messi al lavoro negli orti, nei giardini o sui terrazzi per dedicarsi, oltre che alla tradizionale cura dei vasi di fiori, alla coltivazione “fai da te” di lattughe, pomodori, piante aromatiche, peperoncini, zucchine, melanzane. Gli italiani – sottolinea la Coldiretti – sono diventati un popolo di “hobby farmers” con la percentuale di appassionati tra i giovani di età compresa tra i 18 ed i 34 anni che è salita al 50,8 per cento ed ha addirittura sorpassato quella degli anziani over 65 anni che è del 47,9 per cento, secondo il Censis.  

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi